Ensinger Italia - Materie plastiche industriali

    Link utili
www.ensinger-online.com
  News
Ensinger inaugura nuova sede commerciale in Sud Corea
Ensinger acquisisce “next composites”, società svizzera specialista nei materiali compositi
I nuovi servizi Ensinger di pre-lavorazione grazie al reparto avanzato di Conversion Service
Compound EMI sviluppati da Ensinger
Doppio anniversario per Ensinger
Semilavorati in Poliammide: lastre TECAST in nuovi formati e standard di qualità costanti grazie a una produzione automatizzata
Produzione alimentare senza rischi con TECAFORM AH ID blue di Ensinger: materiali rilevabili al metal detector
TECAPEEK Ensinger è il primo semilavorato termoplastico conforme agli standard EN ISO 23936-1 e NORSOK M-710 Ed. 3 per il settore Oil & Gas
Miglior datore di lavoro 2015
ENSINGER CEDE LA DIVISIONE PEZZI FINITI
Partnership commerciale Ensinger-Simona

Materiali
Additivazione

Le proprietà dei materiali plastici possono essere modificate semplicemente additivando alla matrice polimerica differnti tipologie di additivi.

Fibre di rinforzo
Le fibre di vetro sono comunemente utilizzate per incrementare le proprietà meccaniche come la resistenza a trazione, a compressione ed il modulo elastico. Subiscono un aumento anche la stbilità dimensionale alle alte temperature e la resistenza al creep.
Le fibre di carbonio possono essere utilizzate, quale alternativa alle fibre di vetro. Le fibre di carbonio permettono, per la loro bassa densità, il raggiungimento di prestazioni meccaniche superiori, a parità di quantità di additivo. Le fibre di carbonio inoltre migliorano le proprietà tribologiche del materiale

Coloranti
I materiale plastico può essere colorato semplicemente (a specifica RAL o pantone) tramite l’additivazione con ppositi pigmenti

Stabilizzanti al calore o ai raggi UV
La radiazione solare o la continua applicazione ad elevata temperatura possono portare ad una decolorazione del polimero o modificarne le proprietà meccaniche. L’utilizzo di appositi additivi stabilizzanti riducono questo effetto incrementando la vita utile dei particolari in materiale plastico

Lubrificanti.
Le proprietà tribologiche dei polimeri possono essere migliorate tramite l’additivazione con
- grafite o carbonio che additivati uniformemente alla matrice polimerica riducono il coefficiente di attrito
- oli o cere lubrificanti creano un meato lubrificante fra le superfici. Sono adatti soprattutto ad elevate velocità e bassi carichi
- Lubrificanti polimerici.
Il PTFE è un fluoropolimero con elevata resistenza alla temperatura che naturalmente ha bassissimo coefficiente di attrito e ridotto effetto stick slip. Plastiche additivate PTFE beneficiano di un ridotto attrito, di ridotte temperature di funzionamento e bassa usura. Il PE può essere utilizzato, in alternativa, quale lubrificante a basso costo. I polimeri additivati con PE non garantiscono però elevata resistenza alle elevate temperature
Bisolfuro di Molibdeno: funge da nuclenate incrementando la durezza superficiale del polimero. Anche in quantità ridotte migliorala resistenza all’usura ed il coefficiente di attrito della matrice polimerica


    Schede tecniche
Clicca qui per accedere alla sezione Download dedicata alle schede tecniche dei materiali Ensinger.

    Magazzino Online
 
Clicca qui per accedere al Magazzino Online Ensinger.